Cerca

Foglio Verde

approfondimenti e news

Categoria

Capitale

La teologia politica del futuro. Ripensare a Camaldoli – Giancarlo Elia Valori

Non vi è proposta politica senza proposta filosofica e, direi, quindi, religiosa.

 Se è vero che la filosofia moderna nasce, come diceva ironicamente Carl Schmitt, dalla deviazione razionalista (errata) della logica nominale dei Padri francescani di Oxford, che era basata sulla regola della nota notae est rei ipsius, ciò che si predica del predicato si predica del soggetto, allora anche la politica contemporanea ha una radice metafisica che deve essere svelata. Senza sciocchissime paure, pseudokantiane, di parlare “dei sogni di un visionario”.

 No, la metafisica è la scienza dei fini, non se ne può fare a meno se la si esplicita.

 Chi è stato scorretto è casomai il mondo moderno, che nasconde metafisiche in ogni dove ma dichiara sempre la sua lotta contro “l’Invisibile” ma, soprattutto, Dio. Se il laicismo contemporaneo superasse la mentalità da farmacista positivista ottocentesco, sarebbe meglio per tutti.

 L’idea, prettamente contemporanea, di creare una scienza politica ed economica che sia solo descrittiva ed empirica senza fondamenti etici, morali e, direi ancora, religiosi è quindi o impossibile, perché i presupposti regolativi sono semplicemente nascosti, e allora è anche una truffa intellettuale, oppure non ci sono proprio; e allora la struttura interna del ragionamento non tiene mai. Continue reading “La teologia politica del futuro. Ripensare a Camaldoli – Giancarlo Elia Valori”

Gaetano Gifuni – Giancarlo Elia Valori

Gaetano Gifuni ci ha lasciati. Egli era, prima di tutto, un caro amico ma, per me, rappresentava proprio la quintessenza dell’Uomo di Stato.

 La riservatezza come natura profonda, stile profondo dell’uomo, ma non per mantenere questo o quel segreto, quanto per tutelare la sacralità dello Stato, il suo prestigio, il suo legittimo potere.

 Da questo punto di vista, Gaetano Gifuni aveva una sua profonda convinzione, che definirei quasi filosofica: lo Stato, le Istituzioni, hanno certo diritto a chiedere sacrifici agli individui, soprattutto a quelli più potenti e fortunati, ma lo devono fare solo se esse difendono la libertà reale del popolo.

 Vi è uno scambio di equivalenti all’origine dello Stato moderno: esso protegge i cittadini e li aiuta a migliorarsi, da tutti i punti di vista, mentre i cittadini, di converso, sostengono le Istituzioni che li rappresentano.

 Non vi era, in Gaetano, separazione netta tra comunità del popolo e Istituzioni. Continue reading “Gaetano Gifuni – Giancarlo Elia Valori”

#EURSPA, appello al Presidente #Conte: rinnovo del CDA, il Comune di #Roma eviti conflitti di interesse

Nomine da pensare con uomini di caratura evitando il più possibile di incorrere nella politica del “manuale cencelli”. … Uno dei primissimi problemi che il Governo dovrà affrontare sarà il rinnovo del CDA di EUR S.p.A, società al 90% del Ministero dell’Economia e delle Finanze e 10% di Roma Capitale.

Continua su Prima Pagina News PPN

Il ritratto del ministro Paolo Savona. Un economista fine ed illuminato – di Francesco Marinelli

Paolo Savona è stato ed è ancora una figura irrinunciabile per capire la recente storia economica e finanziaria italiana.

 Fu ministro nel governo Ciampi, nel 1993, proprio quando si programmava l’ingresso del nostro Paese nel sistema della moneta unica. Ne riparleremo.

 Paolo Savona è stato fin dall’inizio dei suoi studi un allievo, tra i prediletti, di Guido Carli, poco dopo la laurea fu assunto per concorso al Servizio Studi della Banca d’Italia, di cui Carli era Governatore, diventando direttore dell’Ufficio Mercati Finanziari. Savona ha frequentato i corsi di Franco Modigliani al MIT di Cambridge (USA) ed è uno dei pochi italiani che ha collaborato con la Special Studies Section della Federal Rerserve in Washington, D.C.

In Banca d’Italia ha collaborato con Paolo Baffi e Antonio Fazio, con il quale ha costruito il primo modello econometrico dell’economia italiana, detto M1BI. Continue reading “Il ritratto del ministro Paolo Savona. Un economista fine ed illuminato – di Francesco Marinelli”

Il Codice di Camaldoli Oggi – Giancarlo Elia Valori

La rinascita italiana, e non solo, del cattolicesimo politico risiede oggi nella ripresa del Codice di Camaldoli. Creato nel luglio 1943, quando l’Italia sperimentava il crollo immediato del regime fascista, il Codice non rappresentò solo la nascita della Democrazia Cristiana, ma la rinascita di tutta la democrazia italiana.

 Il gruppo che organizzò la riunione, dal 18 al 24 luglio 1943 nell’eremo di Camaldoli, ispirato direttamente da Monsignor Montini, rappresentava il meglio di quella che anni dopo avremmo chiamato la “tecnocrazia” italiana.

 C’erano Ezio Vanoni, futuro creatore del “Piano Vanoni” del 1954, per creare la piena occupazione, riequilibrare il Sud con il Nord del Paese e, contemporaneamente, risanare il bilancio dello Stato.

 Programmazione economica, certo, ma per Vanoni si trattava di qualcosa di diverso dal normale keynesismo.

 Keynes puntava all’aumento della spesa aggregata dello Stato, ma Ezio Vanoni dirigeva la spesa in surplus verso obiettivi strutturali e sociali, senza peraltro scassare il bilancio statale. Continue reading “Il Codice di Camaldoli Oggi – Giancarlo Elia Valori”

48° Congresso Nazionale del Partito Repubblicano Italiano: l’8-9-10 dicembre a Roma

L’8, 9 e 10 dicembre a Roma, presso l’Hotel Parco dei Principi, si svolgerà il 48° Congresso Nazionale del Partito Repubblicano Italiano “Risorgimento della Ragione”. Continue reading “48° Congresso Nazionale del Partito Repubblicano Italiano: l’8-9-10 dicembre a Roma”

Consigli per i politici – Giancarlo Elia Valori

Il declino del nostro Paese è ampiamente verificabile. Esso è nato dalla deindustrializzazione rapidissima e dalla mancata sostituzione delle vecchie imprese con nuove attività.

 Occorre qui ricordare anche la politica di sostituzione della perdita di produzione e reddito con le imposte, che ha drogato lo Stato e distrutto l’economia.

 Dal 2009 al 2015 hanno cessato di operare oltre 60.000 imprese manifatturiere.

 Il calo delle attività di manifattura è stato, nello stesso periodo, del 24,5%, il grado di utilizzo degli impianti calato dell’8% dal 2008 al 2013.

 Le aziende agricole sono calate del 32,4% nel lasso di tempo dal 2000 al 2010, in edilizia sono fallite 11.000 imprese e il costo della burocrazia sulle imprese ancora attive è di 31 miliardi di euro l’anno, almeno secondo i dati della CGIA di Mestre.

 Secondo l’ISTAT, poi, il 55% delle famiglie italiane vive in uno stato di deprivazione relativa.

 Tutto questo è nato in quattro momenti: la mancata risposta italiana alla trasformazione degli anni ’70, l’eccesso di tassazione per coprire i “buchi” del bilancio pubblico da presentare a Bruxelles per l’entrata nell’Euro, le pessime privatizzazioni, l’attuale situazione di spartizione delle spoglie di un sistema economico che quasi non esiste più. Dobbiamo evitare che l’Italia divenga una grande “Costa Brava”, dove i pensionati tedeschi vanno a svernare e a mangiare meglio che a casa loro. Continue reading “Consigli per i politici – Giancarlo Elia Valori”

#Regionarie #M5S. Francesca #DeVito: inizia corsa alla conquista della #RegioneLazio

Francesca de Vito su Facebook: “Primo passo verso la conquista della Regione Lazio da parte del M5S: le nostre votazioni on line. Chiunque sarà il nostro candidato alla Presidenza e la squadra di Consiglieri, saremo tutti quanti – attivisti, portavoce e cittadini – uniti e compatti per dare finalmente, al nostro territorio, un Governo onesto, preparato e trasparente. Altro che cordate! Buon voto a tutti.”

Francesca De Vito

M5s. Francesca De Vito si candida a #Regionarie #Lazio. Scrisse post contro #Raggi su scelte staff

La sorella del presidente della Assemblea Capitolina Marcello De Vito, Francesca De Vito, si candiderà alle ‘regionarie’ M5s per il Lazio. Ad annunciarlo è la stessa De Vito via Facebook: “Ho sempre fatto i giusti e dovuti passi indietro, ora è arrivato il momento di combattere in prima persona, con competenza e serietà. Per questo ho deciso di candidarmi per le regionarie del Lazio, nella speranza di far parte di una squadra a 5 stelle che, insieme a tutti gli attivisti, conquisti la Regione!”.

Francesca De Vito ad agosto 2016 era stata autrice di un post fortemente critico con Virginia Raggi e il suo entourage per le scelte che si andavano compiendo riguardo lo staff della sindaca. “Dovevano dimostrare la differenza e la non continuità col passato – scrisse – che Virginia abbia sentito il bisogno di circondarsi di persone di fiducia ci può stare malgrado alcune scelte lascino il boccone amaro” e poi aggiunse attaccando l’allora vicesindaco Daniele Frongia ora assessore allo sport: “che poi però ogni persona di fiducia compreso Daniele debba circondarsi di amichetti di merende questo diventa inaccettabile”.

Tratto da ANSA

#Sgandurra presidente Agenzia Controllo e Qualità Servizi Pubblici: una garanzia per #Roma

Oggi l’Assemblea Capitolina ha votato la nomina di Carlo Sgandurra come nuovo presidente dell’Agenzia per il controllo della qualità dei servizi, organismo che si occupa di monitorare le performance delle aziende municipalizzate del Campidoglio.

Carlo Sgandurra ha un curriculum tra Anas, forze dell’ordine ed incarichi a Palazzo Chigi. Continue reading “#Sgandurra presidente Agenzia Controllo e Qualità Servizi Pubblici: una garanzia per #Roma”

#OSTIA, #PEDICA (PD): #RAGGI CAMBIA #CASSONETTI IN VISTA DEL VOTO PER #MUNICIPIO?

“Raggi cambia i cassonetti dei rifiuti a Ostia in vista del voto per il Municipio? Qualche dubbio Viene, visto che la sua giunta finora ha sonnecchiato”. È quanto afferma Stefano Pedica del PD. “Campagna elettorale a parte – sottolinea Pedica – ci piacerebbe sapere cosa ne pensa la sindaca delle parole dell’epurato Mazzillo, il quale sostiene che Roma rischia seriamente il commissariamento. Roma per ora ha trovato il suo ‘cassiere’ per i conti ma sarà quello giusto? Tempo fa avevo suggerito a Raggi di prendere nella sua giunta la cassiera di un bar per fare i conti . Mi avrà ascoltato? Solo che io scherzavo, mentre lei invece a quanto pare ci ha creduto. Povera Roma”.

#ROMA. NOMINE #ATAC e #ZETEMA: LE DICHIARAZIONI DI FUOCO CONTRO IL METODO #RAGGI

#RAZZI “FAR LUCE SU NOMINE IN AZIENDE PARTECIPATE DEL COMUNE”. #BORDONI “QUALI INTERESSI DIETRO NOMINE ATAC E ZETEMA?”. #PUTZU “CON QUALI CRITERI #RAGGI SCEGLIE I SUOI DIRIGENTI?”. #CANGEMI “NOMINE ATAC E ZETEMA ANOMALE”. ATAC, #COZZOLI: NUOVO AD SIMIONI PENSA FARSI ASSUMERE COME DG?

Continue reading “#ROMA. NOMINE #ATAC e #ZETEMA: LE DICHIARAZIONI DI FUOCO CONTRO IL METODO #RAGGI”

Blog su WordPress.com.

Su ↑