Da affaritaliani.

Altro che democratizzazione della cultura, come afferma da più tempo il vicesindaco di Roma Luca Bergamo. L’ex esponente del Partito Democratico romano – famoso per i suoi tweet a favore di Pittella candidato al Parlamento Europeo – con questo concetto intende tenere vicine le istituzioni culturali capitoline non già ai cittadini (o al Movimento 5 Stelle che lo ha scelto come membro della giunta), ma all’area di sua provenienza. È la sintesi dello scontro in atto tra la rappresentanza grillina in Campidoglio da una parte e gli assessori Bergamo e Montuori dall’altra.

Alla vigilia della nomina del nuovo amministratore delegato di Zètema, l’azienda del comune che opera nel campo della cultura, lo scontro si acuisce e rischia di aprire l’ennesima crisi politica in un campo, quello culturale, poco consono alle dispute di partito.