“E’ di pochi giorni fa la notizia, di grande rilievo strategico, secondo la quale alcune dozzine di “contractors” militari russi, forniti dalla ditta RSB Group, sarebbe già operante nell’Est della Libia, per sminare le aree attorno a Bengazi, in una zona che è stata recentemente liberata dai jihadisti per mezzo delle armate di Khalifa Haftar, che appare sempre più come il perno della geopolitica russa in Libia.

 D’altra parte, Mosca non vuole affatto compiere l’errore primario che hanno fatto l’ONU e i Paesi occidentali, ovvero quello di scegliere fin dall’inizio il loro “cavallo” nella persona del debole Fajez al Serraj.

  Ed infatti il leader di Tripoli è stato invitato in Russia all’inizio del mese di Marzo 2017, e in quella occasione  Vladimir Putin gli ha detto chiaramente che Mosca è presente in Libia per porre rimedio alla “barbarica aggressione” dell’ONU e della NATO del 2011, e intende aiutare tutte le parti, il GNA di Serraj come il governo di Khalifa al Gwell e le altre fazioni non jihadiste, per “ricostruire lo stato libico”.

 Mosca non vuole portare fantasiose “democrazie”, ma ricostruire lo stato unitario libico contro il jihad e con un rapporto favorevole, economico e strategico, con la Federazione Russa.

 Di certo Mosca non vuole un “protettorato occidentale” né in tutta né in una parte della Libia.

 Peraltro, dal punto di vista degli USA, occorre notare che il Daesh-Isis non è stato ancora sconfitto né in Libia né altrove, dato che i bombardamenti aerei di Washington o degli altri alleati occidentali degli USA hanno certamente “degradato” il potenziale offensivo del califfato nella Sirte, ma non lo hanno completamente  eliminato e, in un prossimo futuro, il Daesh-Isis si alleerà certamente  con la rete di Al Qaeda, ricreando le sue basi e attività militari tramite Al Qaeda nel Maghreb Islamico o le reti qaediste del Sudan e dell’Africa subsahariana.

 Una continuità strategica e territoriale che va  dalla Sirte, appunto, fino alle reti di Boko Haram in Nigeria.

 Peraltro, sia gli USA che i suoi alleati hanno posto in essere una strategia, in Libia e contro l’Isis, che non può non fallire: gli occidentali hanno sostenuto, sul terreno, le fazioni libiche loro alleate e hanno tentato unicamente  di eliminare i vertici dell’organizzazione terroristica con azioni mirate.

 I capi vanno e vengono, sono le grandi reti organizzative e militari del jihad che devono essere spezzate definitivamente, e non solo  “contenute”.

  La guerriglia o il jihad non si basano sulla quantità della loro massa di militanti, ma sulla qualità delle loro azioni.

 Una logica di “containment” che non può funzionare in presenza di sistemi regionali autonomi  e alleati globali, come gli altri Paesi NATO.

 Ognuno ha il suo progetto: gli italiani vogliono il petrolio dell’ENI, che è loro, e evitare l’immigrazione di massa  che parte dalle coste libiche, i francesi vogliono il petrolio italiano e la rete militare mediterranea della vecchia Libia gheddafiana, i tedeschi non sono interessati molto alla questione, gli americani, ecco, gli USA cosa vogliono? Non lo sappiamo ancora  con precisione.

 Non si debbono poi  usare, in ogni caso, proxies, i piccoli alleati regionali, per combattere le nostre guerre e per garantire i nostri interessi.

  Nel caso della Libia, si tratta infine  di evitare che essa divenga il punto di riferimento di tutto il jihad a poche miglia marine dall’Italia e, quindi, dall’Europa e dalle stesse basi militari dell’Alleanza Atlantica.

 Basta quindi che l’Isis se ne stia fermo, nel momento in cui le fazioni libiche non jihadiste si combattono tra di loro e nella fase in cui gli USA decidono di aiutare questo o quel gruppo che combatta anche  l’Isis, per poi risorgere indisturbato quando l’aiuto americano cesserà e le milizie locali se ne andranno o saranno troppo deboli per reagire.

 Nel frattempo, la Federazione Russa, tramite Rosneft,  ha siglato un accordo petrolifero con la NOC libica, dato che Mosca sa bene come il petrolio sarà, anche dopo che si sarà conclusa l’attuale fase di de-globalizzazione, il bene-chiave, la “merce assoluta”, per dirla con Karl Marx, anche in futuro.

 In altri termini, Mosca sta operando in Libia più o meno nel modo in cui  è riuscita ad inserirsi nel grande gioco siriano: per mezzo soprattutto dei patenti e grandi errori delle potenze occidentali.

 In Siria, gli USA prima e poi tutti i suoi alleati, sempre meno capaci di fare davvero politica estera o di pensare strategicamente, hanno sostenuto gli “islamisti moderati”, ammesso che questa espressione abbia un senso, unicamente per destituire Bashar el Assad e ricreare, anche in Siria, il caos idiota successivo alle “primavere arabe”.

 L’idea che basti mandare via un “tiranno”, magari con qualche manifestazione manipolata ad arte, e che  dopo tutto si risolva, è francamente ridicola.

 Una geopolitica da sessantottini invecchiati male.

 Se si destabilizzava definitivamente  la Siria, l’Iran sarebbe intervenuto subito, come poi ha fatto in rapporto con i russi e gli alawiti dell’Esercito Arabo Siriano degli Assad, per non parlare di quello che sarebbe accaduto in Libano e, quindi, in Israele.

 Mosca ha quindi fiutato subito l’ingenuità stupida dell’Occidente ed è entrata in gioco, vincendolo.

 Anche in Libia sta accadendo lo stesso: la NATO e l’ONU difendono strenuamente il GNA di Serraj, che comanda appena il palazzo dove risiede il suo governo, e paga a caro prezzo (ma lo paghiamo noi) l’appoggio di alcune milizie.

 E Mosca sarà invece  il mediatore, benvenuto e credibile, che concluderà la tensione tra Serraj e Khalifa Haftar, interagendo  tra i due e ricostruendo così un’area centrale stabile per la futura ricostruzione dello Stato libico.

 L’Egitto, intanto, alleato della Federazione Russa, sta gestendo un accordo tra tutte le fazioni libiche, che prevede elezioni politiche da tenersi nel Febbraio 2018.

 Se Mosca sosterrà il progetto, le probabilità che si vada al voto sono elevatissime.

 E’ probabile poi che lo stesso Haftar giochi la carta russa anche per avere un sostegno credibile dalla nuova Presidenza USA, ma il capo della “Operazione Dignità” non vuole, probabilmente, chiudere un patto con Serraj,  ma solo aspettare che il leader troppo amato dagli occidentali e dagli USA si indebolisca ulteriormente.

 L’incontro al Cairo tra Haftar e Fajez al Serraj, previsto il 14 Febbraio scorso, non è infatti avvenuto, proprio a causa del rifiuto di Haftar di incontrare il capo del GNA.

 Quindi, possiamo affermare che il sostegno ad Haftar da parte di Russia e Egitto è, da un lato, inevitabile, considerando la sempre maggiore debolezza e l’evidente frazionismo del governo del GNA, ma permette nel contempo al capo della “Operazione Dignità” di credere ad una sua vittoria sul campo, che renderebbe inutile la attuale trattativa politica.

 E non interessa a nessuno regalare la Libia ad un altro Rais.

 L’Operazione che ha liberato Sirte dall’Isis, denominata “Bunyan al Marsous”,  ha visto infine  operare sul terreno molte fazioni, soprattutto di Misurata, e perfino alcuni salafiti in disaccordo con il califfato.

 Gli USA e gli alleati occidentali hanno sostenuto “Bunyan al Marsous” soprattutto con bombardamenti aerei, gli americani hanno infatti  compiuto almeno 300 strikes con la loro aviazione, i britannici hanno addestrato e sostenuto le forze di Misurata, gli italiani hanno costruito un ospedale da campo per i feriti in combattimento.

 Ma l’obiettivo degli occidentali, in questo caso, non era tanto combattere l’Isis, che viene ritenuto un potere troppo forte e localizzato, piuttosto il fine era quello di sostenere Serraj garantendogli il controllo di una importante città come quella di  Misurata.

 In altri termini, gli occidentali devono smetterla di giocare solo con un unico alleato libico, ma piuttosto debbono unificare il più possibile le attività belliche  di tutte le fazioni libiche, sostenere lo sforzo di alcuni leader locali nel costruire uno stato unitario ma decentralizzato, per evitare di contare, in futuro, i perdenti e i vincitori della lunga guerra tra fazioni, sostenere economicamente il nuovo stato, magari con aiuti e accordi petroliferi particolarmente amichevoli, evitare infine  che, in futuro, si ripeta l’asimmetria tra Tripolitania e Cirenaica, con l’Est che si ritiene, a torto o a ragione, marginalizzato.

 Intanto, la Russia avrà le sue basi militari in Cirenaica, che serviranno a marginalizzare la NATO e a controllare il retroterra maghrebino.

GIANCARLO ELIA VALORI
Honorable de l’Académie des Sciences de l’Institut de France