Marco Vinicio Guasticchi, vice presidente del Consiglio Regionale dell’Umbria, ha annunciato la presentazione di un proposta al Consiglio regionale per rilanciare le attività turistiche del lago Trasimento. Queste le sue parole in un suo breve annuncio affidato ai social:  “Negli anni 70/80 il Trasimeno rappresentava un importante polo di attrazione turistica sia locale che da fuori regione.  Nonostante la particolarità della balneabilità del lago un utenza importante di appassionati sia ambientalisti che amanti degli sport nautici popolava le rive del Trasimeno . Oggi che il lago Trasimeno ha raggiunto un livello idrico di salvaguardia, grazie alle piogge ed ad una sapiente opera di interventi da parte delle istituzioni preposte, si potrebbero creare delle aree lacustri dove poter consentire anche la navigazione di diporto con motori fino a 140 cavalli per agevolare anche gli sport acquatici da sempre praticati in passato con tre obbiettivi principali. Maggiore attrattività per un turismo nautico, oggi costretto a mantenere i propri natanti in porti di mare che invece potrebbero trovare attracco nelle darsene del Trasimeno. Inoltre sarebbe una boccata di ossigeno per i piccoli cantieri navali presenti nell’area. Mantenere protetto aree importanti dove la biodiversità rappresenta un valore per amanti della natura e identificare aree dove poter utilizzare barche in grado di consentire sport acquatici. Il lago deve vivere, ed è’ abbastanza grande da consentire la convivenza tra ambientalisti, operatori turistici ed imprenditori del settore nautico. In tal senso sto per presentare una proposta in consiglio regionale.