la filiera del turismo romano in piazza con gli albergatori contro l’aumento del contributo di soggiornoEvento storico oggi a Piazza S.S. Apostoli: l’intera filiera del turismo si è unita alla manifestazione di protesta indetta da Federalberghi Roma scendendo in piazza contro l’annunciato aumento del contributo di soggiorno nella Capitale. Alla prima protesta pubblica mai indetta da Federalberghi Roma hanno infatti aderito tutte le sigle del turismo e dell’accoglienza per un totale di quasi un migliaio di imprenditori: FAITA (Turismo all’aria aperta), ALBAA (B&B e Affittacamere), FIAVET (Agenzie di viaggi), FIPE (Pubblici Esercizi), SIB (Balneari), Assobar e Confesercenti/ Assohotel. Era inoltre presente una delegazione di Federalberghi nazionale capitanata del Presidente Bernabò Bocca, mentre le Federalberghi di Firenze e Venezia si sono idealmente unite a quella romana inviando via lettera ufficiale al Sindaco Ignazio Marino i sensi della propria preoccupazione per l’aumento del contributo di soggiorno nella Capitale, principale porta d’entrata in Italia per milioni di turisti. Altre Federalberghi locali hanno infine testimoniato la propria vicinanza attraverso numerosissimi messaggi di sostegno sui social network.