“Alla luce della serie di inconvenienti tecnici verificatisi in questi giorni sulle linee della metropolitana, l’Amministratore delegato di Atac, Roberto Diacetti, ha disposto l’avvicendamento alla guida della Direzione Tecnica dell’Azienda, motivandone le ragioni al Sindaco di Roma Capitale, on. Alemanno, nel corso dell’incontro avuto in serata in Campidoglio.

Al nuovo Direttore, l’Amministratore delegato ha dato mandato di attivarsi immediatamente per rendere più efficace l’azione dell’intera struttura operativa addetta alla manutenzione di treni e infrastrutture. Il nuovo responsabile dovrà inoltre predisporre entro una settimana un quadro esaustivo del debito manutentivo accumulato sulle due linee della metropolitana, al fine di predisporre un piano operativo (da condividere con l’Amministrazione Capitolina) che da un lato segni una netta inversione di tendenza sul medio e lungo periodo e riporti l’infrastruttura a un buon livello di efficienza, e dall’altro determini l’esatta quantificazione economica degli interventi”. Così in una nota Atac spa.

 

CANTIANI (PDL): “PRONTI INVESTIMENTI PER RECUPERARE EFFICIENZA”

«La sinistra capitolina compie quotidianamente una clamorosa opera di mistificazione della realtà su un tema assai sentito dalla cittadinanza come quello del trasporto pubblico. Le criticità che si manifestano in questa fase sono figlie dell’incuria e dell’abbandono che per un quindicennio hanno contraddistinto la politica in materia da parte delle Giunte targate Rutelli e Veltroni. Il fatto che proprio gli artefici di quei disastri si ergano a giudici dell’operato del Sindaco o di Atac è inaccettabile. Le parole dell’amministratore delegato dell’azienda, Roberto Diacetti, sono state di grandissima onestà intellettuale e hanno rimarcato come la situazione ereditata richieda un investimento di risorse fuori portata in questa delicata fase economica. In ogni caso, Atac è pronta a investire 80 milioni di euro in due anni e anche i finanziamenti sbloccati dal Cipe contribuiranno certamente a migliorare la situazione. Ancora una volta è chiara la differenza tra chi va avanti a slogan e battute elettorali e chi pratica la politica del fare». Lo dichiara Roberto Cantiani, presidente della commissione Mobilità di Roma Capitale.