“La decisione della Commissione europea di chiudere la procedura di infrazione sul piano rifiuti e’ una importante notizia che accogliamo con piacere soprattutto per il bene dei cittadini della Regione Lazio”. E’ quanto ha dichiarato la presidente della Regione, Renata Polverini.

”La Ue – commenta Polverini- riconosce la qualità del piano approvato da questa amministrazione, premiando il buon operato della nostra Giunta, e risponde anche ai timori espressi dal ministero nelle scorse settimane. Oggi si pone fine a qualsiasi strumentalizzazione su un provvedimento che garantisce finalmente le basi per un ciclo integrato dei rifiuti nel Lazio. Attraverso il Piano rifiuti, dopo anni di attesa, tiriamo fuori questa regione da una situazione di inosservanza delle norme europee in cui era stata lasciata da chi ci ha preceduto. Un ennesimo primato negativo che abbiamo eliminato restituendo dignita’ anche in Europa al nostro territorio”.

”Siamo di fronte alla pietra tombale – prosegue Polverini – che la Commissione europea pone sullo stupidario a cui l’opposizione ci ha sottoposti in questi ultimi anni in materia di rifiuti, con la faccia tosta di chi e’ consapevole di non aver fatto il proprio dovere quando era al governo della Regione Lazio e ha vaneggiato di questioni di cui non conosceva la complessità e la delicatezza o peggio ha strumentalizzato per interessi non propriamente chiari. Carenze – conclude – che questa Giunta ha ereditato e che per l’ennesima volta ha finalmente superato dopo anni e anni di inconcludenza e ignavia di chi oggi e’ all’opposizione”.