Un gesto intimidatorio, per fermare l’attività di vigilanza e di tutela dell’avifauna svolta dalla LIPU nella Riserva dei Pantani Longarini-Cuba. Lo denuncia la LIPU-BirdLife Italia, dopo che nei giorni scorsi alcuni volontari della delegazione di Ragusa hanno subito il danneggiamento dell’auto e il furto di numerosi oggetti, tra cui un cannocchiale utilizzato per i censimenti degli uccelli.

I due volontari, entrambi guardie venatorie LIPU, avevano appena concluso, domenica scorsa a metà mattina, un censimento lungo gli argini del pantano Longarini quando, tornati nel luogo dove avevano parcheggiato l’auto, hanno trovato il finestrino rotto e una gomma bucata. I due volontari hanno dovuto inoltre constatare il furto degli zaini contenuti nel cofano, all’interno dei quali era presente anche un cannocchiale di valore. Sull’episodio è stata presentata denuncia ai Carabinieri.

“Condanniamo fermamente questa aggressione – commenta Fulvio Mamone Capria, presidente LIPU – che spieghiamo con il tentativo di intimidire i nostri volontari impegnati nella tutela della biodiversità dei Pantani. Dopo questo episodio negativo non è nostra intenzione rinunciare alla vigilanza sul territorio. Anzi, chiediamo a tutte le Autorità la massima sinergia per garantire sicurezza agli appassionati, agli studiosi e ai turisti, che in tanti, attratti dalle bellezze del posto, stanno tornando a seguito dell’istituzione dell’area protetta”.