La Cia evidenzia una situazione difficile in tutto il Nord Italia. Forti nubifragi e violente trombe d’aria. Allagati campi e abbattuti molti alberi. Si contano i primi danni in agricoltura.

Il maltempo fa scattare l’allarme grandine per frutta e verdura. A rischio le campagne di tutto il Nord Italia, in particolare Veneto, Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, dove le intemperie hanno cominciato ad abbattersi in maniera violenta, con forti temporali e veri e propri nubifragi, con trombe d’aria che hanno abbattuto alberi e provocato conseguenze anche all’agricoltura. Molti i campi coltivati allagati e diverse le aziende agricole in difficoltà. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori che ha avviato un primo monitoraggio per un bilancio dei danni.

Ma a preoccupare di più sono le possibili grandinate che -come hanno annunciato i meteorologi- possono essere anche di grande intensità. Gli effetti -afferma la Cia- sarebbero, in questo particolare momento stagionale, devastanti per molti prodotti di stagione, per alcuni dei quali nei prossimi giorni inizia la raccolta. Si va dalle susine alle albicocche, dalle pesche alle ciliegie. Per non parlare dei vigneti.

A rischio grandine ci sono anche le colture orticole in campo aperto che -rileva la Cia- sono molto abbondanti in questo periodo dell’anno, a cominciare dai pomodori, dalle zucchine, dalle melanzane, dai peperoni e dalle insalate.

La pioggia -avverte la Cia- ha reso inaccessibili molte strade che conducono alle imprese agricole e le violente trombe d’aria hanno causato danni a strutture aziendali, come serre e magazzini.