Si acuisce la crisi delle aziende agricole che non riescono a far quadrare i conti, con costi in aumento e ricavi inadeguati. Lo pone in evidenza Confagricoltura in relazione ai dati provvisori dell’Istat sui prezzi dei prodotti agricoli, da cui emerge che, nel primo trimestre dell’anno rispetto al precedente, a fronte di aumenti dei costi dell’1,5%, i ricavi hanno registrato + 0,3%.

“I produttori – commenta Confagricoltura – sono in grandissima difficoltà per l’ulteriore incremento dei costi soprattutto quelli di energia e lubrificanti (+13,3% su base annua) e delle sementi (+6,5%)”.

Nonostante ciò, nel primo trimestre il Pil agricolo è aumentato, anche se il valore aggiunto copre solo in parte le perdite contabilizzate nel tempo dal settore.

“L’agricoltura potrebbe fare da traino alla ripresa ma – conclude l’Organizzazione degli imprenditori agricoli – servono interventi mirati che rimettano al centro le imprese”.